Media e diritto: circolo virtuoso o vizioso?