Apul. flor. 20, 5: una proposta di lettura