Seguendo gli ossicini: prosa intima e censura