Sull’utilità e il danno della ricerca delle fonti. Il caso del ‘Decameron’