City of orgies, walks and joys: la produzione dello spazio e del tempo nella città queer