Il fenomeno dell’hate speech e la cultura digitale. La scuola degli affetti come bene comune