Folle e uomini a molla. Brancati e la prossemica del totalitarismo