Glenn Gould. Politica della musica