Dire ‘io’ prima e dopo Freud. Cenni foucaultiani e lacaniani sullo statuto filosofico del soggetto