Principio di pari opportunità e legislazione elettorale regionale. Dal Consiglio calabrese una omissione voluta, ricercata e “votata”. In Calabria la riserva di lista e la doppia preferenza di genere non hanno cittadinanza