Enunciazioni “politiche” e social web: il caso italiano tra contratto di governo e patto fiduciario