Linguaggio e creatività: da De Mauro a Garroni e ritorno