La Didone di Ungaretti tra Virgilio e Ovidio