«Nessun uomo è un’isola» : echi della metafora geografica di John Donne in Francis Bacon, Walt Whitman e Virginia Woolf