Politica e poesia: il ‘Lauretum’