L’allegrezza dell'artefice. Esametro e distico elegiaco nella poesia italiana di Giovanni Pascoli