Un “antenato” di Guglielmo Borsiere (con altre schede per il «Decameron»)