Le c.d. “offerte a zero” negli appalti pubblici