Quando il supporto del diritto civile alla previdenza sociale non si rivela virtuoso