Da "brutto" a "brut": un possibile italianismo nel catalano