Le "due culture" ibride. Note su linguaggi e spazi virtuali