L'algebra al servizio del senso comune: James Gregory contro David Hume