Il comunismo tra metropoli e convento: Pietro Ingrao