Rileggendo Gramsci, tra filologia e divulgazione