Come   è   possibile   che   l’essere   diventi   nulla?   E’   semplicemente   contraddittorio   –   sia   sotto   il   profilo   logico   che   ontologico   -­‐   pensare   il   divenire   dell’essere.   Pensare,   cioè,   che   le   cose   che   sono   –   gli   enti   –   svaniscano   e   diventino   ni-­‐ ente.   E   tuttavia,   la   realtà   ci   mostra   che   le   cose   sono   contingenti.   Che   oscillano,   cioè,   tra   l’essere   e   il   nulla.   L’intera   storia   della   metafisica   occidentale   non   è   nient’altro   che   la   storia   del   nichilismo.   In   quanto   tutti   noi   non   facciamo   altro   che   pensare   e   vivere   le   cose,   come   se   le   cose   e   noi   stessi   fossimo   niente.   E’   questa   –   come   dice   Severino   -­‐   la   “follia”   dell’Occidente.   Dalla   quale   è   possibile   “immunizzarci”   presupponendo     l’eternità   degli   enti.   Ma   la   natura   di   questa   presupposizione   è   tale   –   osserva  Cantarano  –  che  ci  consente  di  “salvare”   logicamente   gli   enti,   a   patto   che   essi   siano   abrogati   ontologicamente.     Non   solo.   Ma   se   è   l’incontrovertibile   verità   dell’essere   che   salva   “epistemicamente”   i   fenomeni   eternizzandoli,   è   pur  sempre  nello  sfondo  oscuro  e  indeterminato   della   “doxa”   che   la   presupposizione   ontologica     si   dà.   Insomma,   se   per   poter   salvare   gli   enti   Severino   ha   scartato   l’ipotesi   teologica   della   trascendenza,   è   costretto   contraddittoriamente   –   e   paradossalmente   -­‐   a   farvi   nuovamente   ricorso.   Cos’altro   è,   in   definitiva,   “credere”   nell’eternità  degli  enti,  se  non  presupporre  onto- teologicamente   che   il   non   essere   non   è?     Per   trattenere   il   dileguare   delle   cose   nel   nulla,   per   salvarle   dall’insensatezza   del   divenire   è   necessario   –   scrive   Cantarano   -­‐   religare   le   cose   alla   fede   onto-­‐teologica   dell’eternità   degli   enti.   Altro   dispositivo   di   salvezza,   altra   strategia   soteriologica  non  c’è.

La follia del divenire e la fede nell'eternità degli enti: Emanuele Severino

CANTARANO, Giuseppe
2010

Abstract

Come   è   possibile   che   l’essere   diventi   nulla?   E’   semplicemente   contraddittorio   –   sia   sotto   il   profilo   logico   che   ontologico   -­‐   pensare   il   divenire   dell’essere.   Pensare,   cioè,   che   le   cose   che   sono   –   gli   enti   –   svaniscano   e   diventino   ni-­‐ ente.   E   tuttavia,   la   realtà   ci   mostra   che   le   cose   sono   contingenti.   Che   oscillano,   cioè,   tra   l’essere   e   il   nulla.   L’intera   storia   della   metafisica   occidentale   non   è   nient’altro   che   la   storia   del   nichilismo.   In   quanto   tutti   noi   non   facciamo   altro   che   pensare   e   vivere   le   cose,   come   se   le   cose   e   noi   stessi   fossimo   niente.   E’   questa   –   come   dice   Severino   -­‐   la   “follia”   dell’Occidente.   Dalla   quale   è   possibile   “immunizzarci”   presupponendo     l’eternità   degli   enti.   Ma   la   natura   di   questa   presupposizione   è   tale   –   osserva  Cantarano  –  che  ci  consente  di  “salvare”   logicamente   gli   enti,   a   patto   che   essi   siano   abrogati   ontologicamente.     Non   solo.   Ma   se   è   l’incontrovertibile   verità   dell’essere   che   salva   “epistemicamente”   i   fenomeni   eternizzandoli,   è   pur  sempre  nello  sfondo  oscuro  e  indeterminato   della   “doxa”   che   la   presupposizione   ontologica     si   dà.   Insomma,   se   per   poter   salvare   gli   enti   Severino   ha   scartato   l’ipotesi   teologica   della   trascendenza,   è   costretto   contraddittoriamente   –   e   paradossalmente   -­‐   a   farvi   nuovamente   ricorso.   Cos’altro   è,   in   definitiva,   “credere”   nell’eternità  degli  enti,  se  non  presupporre  onto- teologicamente   che   il   non   essere   non   è?     Per   trattenere   il   dileguare   delle   cose   nel   nulla,   per   salvarle   dall’insensatezza   del   divenire   è   necessario   –   scrive   Cantarano   -­‐   religare   le   cose   alla   fede   onto-­‐teologica   dell’eternità   degli   enti.   Altro   dispositivo   di   salvezza,   altra   strategia   soteriologica  non  c’è.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11770/143021
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact