Dalla geometria di Euclide all’algebra astratta: perchè i problemi dell’antichità possono insegnarci ancora molto